Gli utenti di Coinbase rimuovono bitcoin del valore di 200 milioni di dollari per problemi di privacy

Gli utenti di Coinbase hanno rimosso oltre 200 milioni di dollari di BTC dalla borsa valori digitale statunitense dopo che questa ha offerto in licenza la sua piattaforma di analisi all’IRS e alla DEA.

Dopo che Coinbase ha offerto in licenza la sua piattaforma di analisi all’Internal Revenue Service (IRS) e alla Drug Enforcement Administration (DEA), gli utenti dello scambio hanno rimosso oltre 200 milioni di dollari di Bitcoins. Lo scambio sostiene che fornirà all’IRS e alla DEA solo „un accesso semplificato ai dati disponibili al pubblico“. Tuttavia, secondo lo scambio, non avranno accesso ai dati interni o ai dati dei clienti. Gli utenti si sentono come se la loro privacy venisse violata o potrebbe essere violata se l’accordo con le agenzie federali dovesse passare.

Più di 22.500 BTC sono state ritirate da Coinbase

Da quando lo scambio di crittografia con sede negli Stati Uniti ha annunciato la sua offerta alla DEA e all’IRS, più di 22.500 BTC del valore di oltre 200 milioni di dollari sono stati ritirati o inviati a un altro portafoglio. L’offerta del governo di Coinbase ha indotto molti dei suoi clienti a rimuovere i loro fondi, a smettere di utilizzare lo scambio e a denunciare pubblicamente lo scambio con l’hashtag BoycottCoinbase. La mossa di Coinbase è stata criticata da molti nella comunità dei crittografi.

La comunità di Crypto si interroga sulla fedeltà di Coinbase ai clienti

Un utente di Twitter con il nome utente CADawg ha twittato che Coinbase sta cercando di essere come Google approfittando dei dati dei suoi clienti. Continua dicendo che hanno cancellato il loro conto Coinbase. Gli utenti del crypto exchange statunitense erano sempre più frustrati dal cambio di valuta digitale prima che il governo facesse un’offerta. Nei periodi in cui i cripto-assets vedevano grandi oscillazioni di prezzo in pochi secondi e minuti, la piattaforma spesso si bloccava e diventava inutilizzabile.

Da quando Coinbase si è offerta di collaborare con il governo, la piattaforma ha vissuto un esodo. Coinbase ha anche una storia di rapporti con il governo. La privacy tra gli utenti di crypto è considerata sacra, ed è uno dei motivi principali per cui le persone usano crypto. L’accordo di Coinbase con le agenzie governative ha sollevato ulteriormente le sopracciglia dei suoi utenti e della comunità dei crittografi.